081 506 66 84 info@assoali.it
Aali

Premio Internazionale di giornalismo sportivo Antonio Ghirelli

Comunicato Stampa

 

PREMIO INTERNAZIONALE DI GIORNALISMO SPORTIVO

“ANTONIO GHIRELLI”

 

Sarà consegnato nel corso della Serata di Gala in programma il prossimo 7 giugno, nel salone delle feste dell’Hotel Villa Maria di Villaricca, l’assegno di mille Euro del Premio Internazionale di Giornalismo Sportivo “Antonio Ghirelli”, destinato al giornalista che, nel corso delle ultime due sedute d’esame, ha ottenuto il punteggio più alto alla prova di idoneità professionale.

Promosso e finanziato dalla onlus ALI e dalla casa editrice Cento Autori, con il patrocinio morale dell’Ordine nazionale dei Giornalisti e della Federazione nazionale della stampa, il Premio, giunto quest’anno alla quinta edizione, è presieduto da Guido Ghirelli, figlio del compianto giornalista napoletano.

 

«Questo premio – spiega Pietro Valente, presidente della onlus ALI e della casa editrice Cento Autori – se da un lato rappresenta un omaggio postumo ad un giornalista di razza, interprete autentico dell’anima di Napoli, dall’altro è un riconoscimento tangibile alla meritocrazia: un valore assai raro di questi tempi. In questa prospettiva, il significato del premio assume una valenza doppia, sintesi di quel messaggio lasciatoci in dote da un uomo che seppe coniugare al meglio professionalità, coerenza e nobiltà d’animo». E per ricordare la figura del “giornalista gentiluomo” ci saranno anche il presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti, Carlo Verna, il coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico del CNOG, Maurizio Paglialunga, e molte altre personalità del mondo del giornalismo, della cultura e dello sport.

 

Nel corso della serata, condotta da Gino Rivieccio e Serena Albano, sarà consegnato lo speciale riconoscimento riservato al testimonial del Premio: una statuina in terracotta realizzata a mano dal maestro presepaio Genny Di Virgilio. Riconoscimento che, quest’anno, è stato attribuito al direttore del Tg2, Gennaro Sangiuliano: il primo napoletano a sedere sulla poltrona più alta del telegiornale della seconda rete dopo Antonio Ghirelli, che lo diresse per circa un anno.