081 506 66 84 info@assoali.it
Memoriae

Memoriae al Teatro Trianon di Napoli, cerimonia di consegna delle “Stelle di David”

Comunicato Stampa

Venerdì 27 Gennaio al Teatro Trianon di Napoli, cerimonia di consegna delle “Stelle di David”

Sono il Procuratore militare della Repubblica di Roma, Marco De Paolis, il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e (alla memoria di) Giancarlo Siani, i destinatari dei “Maghen David” d’oro attribuiti nell’ambito dell’ottava edizione di “Memoriæ”, in programma il prossimo 27 gennaio al Teatro Trianon di Napoli.

Nato nel gennaio 2010 allo scopo di recuperare e valorizzare la “memoria” della città di Napoli, nel giorno stesso in cui l’Italia ricorda la tragedia della Shoah, il progetto-evento “Memoriæ” è promosso e sostenuto dalla Fondazione Valenzi e dalla onlus ALI con il patrocinio della Comunità ebraica di Napoli, della Regione Campania, del Comune di Napoli e dell’ANPI. Il principale evento, che ogni anno vede il coinvolgimento di centinaia di studenti e docenti degli istituti scolastici napoletani è rappresentato dalla consegna delle Stelle di David d’oro a tre personalità che, attraverso le loro azioni o la loro testimonianza, hanno contributo alla creazione di una memoria condivisa.

Il maggiore dei riconoscimenti è quello riservato alla memoria della Shoah, destinato a un testimone o ad un sopravvissuto alla tragedia che, a partire dalla metà degli anni Trenta del secolo scorso e per tutto il decennio successivo, coinvolse milioni di cittadini europei di cultura o religione ebraica. Il secondo riconoscimento è attribuito ad una personalità che si è particolarmente distinta nel promuovere i valori della solidarietà e della difesa dei diritti civili. Terzo e ultimo riconoscimento è quello riservato ai familiari di una vittima della criminalità organizzata.

Rispetto alle precedenti edizioni – spiega il coordinatore di Memoriæ, Nico Pirozzi – l’evento di quest’anno presenta due sostanziali novità. A testimoniare quel che è successo negli anni a cavallo tra il 1938 e il 1945 non sarà una vittima delle persecuzioni razziali, ma un testimone del dopo Shoah. Come il Procuratore militare della Repubblica di Roma, Marco De Paolis, che dal 2003 al 2012 ha istruito e portato a dibattimento 18 processi per le più gravi stragi nazi-fasciste compiute in Italia e in altre località del Vecchio continente dopo l’8 settembre 1943. Tra cui quelle di Marzabotto-Monte Sole (800 vittime), di Sant’Anna di Stazzema (poco meno di 500 civili uccisi per rappresaglia), di Cefalonia e delle isole del Dodecaneso. La seconda novità riguarda la presenza sul palco dei rappresentanti di alcuni istituti scolastici, che nel corso del passato anno scolastico si sono particolarmente distinti nel tenere alti i valori che caratterizzano il progetto-evento Memoriæ

Condotta anche quest’anno da Serena Albano la manifestazione prevede la partecipazione di oltre cinquecento studenti e docenti, che il prossimo 27 gennaio affolleranno la platea e i palchi del Teatro Trianon. A suggellare l’epilogo di un percorso iniziato un anno fa, scandito da conferenze e incontri tenuti in decine di istituti scolastici della regione.

Per quanto concerne il riconoscimento che annualmente riserviamo alle ‘Memorie di impegno civile’ – aggiunge Pirozzi – quest’anno l’abbiamo concesso al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, per l’aiuto prestato (e mai smesso) alle popolazioni dell’Italia centrale colpite dal terremoto e dalle recenti devastanti nevicate. L’ultimo, ma primo nel cuore di un giornalista, è il riconoscimento riservato alle vittime della criminalità, che quest’anno lo abbiamo voluto riservare alla memoria di Giancarlo Siani, il giornalista del Mattino ucciso da un sicario della camorra il 23 settembre 1985”.